Loading... Loading 

Il Golfo è caratterizzato dalla presenza di numerose aree naturalistiche che meritano di essere visitate. Balestrate è la base ideale di partenza per raggiungere le più belle località di mare della costa occidentale fino alla famosa spiaggia bianca di San Vito lo Capo.

Fra i luoghi impedibili di questa zona citiamo la riserva naturale orientata dello Zingaro.

Riserva naturale dello Zingaro

Il parco regala ai visitatori paesaggi mozzafiato, sia nella fresca primavera che nelle calde e luminose giornate estive. Lungo un splendida costa a picco sul mare fra i territori di Castellammare del Golfo e S. Vito Lo Capo si estende la Riserva dello Zingaro, la prima riserva naturale istituita in Sicilia. Immersi nella caratteristica vegetazione mediterranea fra alberi di ulivo e palme nane (la palma nana, simbolo della riserva, nasce spontanea negli anfratti del parco, nutrita dalla rossa terra ferrosa tipica del luogo) è possibile percorrere piccoli sentieri sterrati che arrivano fino al mare. Ci sono percorsi per tutti i gusti e le età: la prima caletta è a una ventina di minuti dall’entrata, la seconda a circa un ora e la terza ad un ora e mezza di cammino.

 

Nel silenzio delle passeggiate è possibile scorgere e udire falchi pellegrini, aquile e nibbi reali mentre si raggiungono le incontaminate acque

Faraglioni di Scopello e la Tonnara

Meta privilegiata per gli amanti della natura che desiderano immergersi in un mare cristallino circondati da antiche rocce impreziosite da odorose piante di capperi e fico d'india. Il mare di Scopello è la location ideale per gli appassionati di escursioni subaque (anche organizzate in loco) che a pochi metri dalla riva scoprono fondali di rara bellezza. Vi si giunge da Castellammare percorrendo la statale 187 per Trapani, imboccando la deviazione al Km 32.4

Scopello paese

Scopello non significa solo mare, nella parte alta della montagna è raggiungibile Scopello Paese (da cui prende il nome la località di mare), un piccolo borgo sorto verso la fine del settecento attorno alla corte di un baglio, sul sito di un precedente casale arabo.

Baia di Guidaloca

Fra Castellammare e Scopello, lungo la costa, si trova una lunga spiaggia di sassi bianchi sulla quale si erge una torre cilindrica cinquecentesca. Caratterizzata dai sassi bianchi e da piccoli sassolini colorati sul bagnasciuga la baia di Guidaloca è meta ideale per chi vuole godere di un bel bagno senza i "fastidi" della sabbia. La possibilità di affittare i pedalò e di fruire di giochi d'acqua arricchiscono l'offerta della località balneare.

Spiaggia di San Vito Lo Capo

All'estrema punta della costa occidentale siciliana si estendono tre chilometri di sabbia dorata e un mare cristallino da fare invidia ai più rinomati paradisi dei mari del sud. Il fondale marino degrada dolcemente verso il largo rendendo la località perfetta anche per i più piccoli. Chi invece preferisce gli scogli alla sabbia ha l'imbarazzo della scelta: le possibilità di fare meravigliosi bagni e di godere nel contempo di un paesaggio splendido sono innumerevoli. Il lungomare consente di passeggiare a pochi metri dalla battigia. I caratteristici negozietti e mercatini fra le basse case bianche di stile arabo completano il paesaggio. Assolutamente da non perdere il cous cous, piatto caratteristico della zona e, per gli appassionati, il "Cous Cous Fest", la rassegna gastronomica culturale che si tiene ogni anno dal 19 al 24 settembre. Chef di tutti i Paesi, in cui si consuma il tradizionale cous cous, si confrontano in una grande gara. Così per quattro

Tempio di Segesta e Teatro greco

Il tempio di Segesta è uno dei monumenti più perfetti che ci sono arrivati dall'Antichità. Si innalza solitario su un poggio circondato da un profondo vallone incorniciato da Monte Bernardo e Monte Barbaro, sul quale si trova il teatro. Eretto nel 430 a.C., è un elegante edificio dorico dalle proporzioni di una rara armonia.

Teatro - Edificato nel III sec. a.C. in periodo ellenistico, ma sotto la dominazione romana, è costituito da un perfetto e vasto emiciclo di 63 m di diametro sistemato su un pendio roccioso, i gradini sono orientati verso le colline dietro le quali, sulla destra, si intravede il Golfo di Castellammare. Ogni anno, in estate, il teatro rivive, si riempie di spettatori pronti ad assaporare, in un legame senza tempo, le grandi tragedie e commedie che avvincevano gli Antichi.

Erice paese

Antica città fenicia e greca di una bellezza indimenticabile è arroccata a 751 m di altezza sul monte che porta lo stesso nome, circondato da un altopiano a terrazza sul mare. Difesa da bastioni e mura, la città è un labirinto di piccole stradine acciottolate. Erice ha due volti: quello solare e luminoso delle calde giornate estive e quello delle giornate invernali quando, avvolta nelle nuvole, la cittadina da la sensazione di essere giunti in un luogo fuori dal tempo. L'atmosfera medievale, l'aria fresca, le belle pinete che la cirondano e l'artigianato locale la rendono una delle mete privilegiate dai turisti. è raggiungibile in macchina ma anche in funivia da Trapani godendo di un paesaggio splendido.

Terme di Segesta

Indicate per curare malattie della pelle, dell'apparato locomotore e dell'apparato respiratorio le cure termali comprendono fanghi, inalazioni, piscine termali, areosol, idromassaggi. In prossimità del "fiume caldo" a pochi chilometri dal tempio e dal teatro greco di Segesta si trovano varie località termali: Le Terme Gorga sorgono nell'entroterra di Calatafimi al confine con il territorio di Alcamo (tel.:0924-23842). Le Terme Segestane si trovano in contrada Ponte Bagni (tel.:0924-530057).